CODICE PERSONALIZZATO Fluoroprofilassi - www.igieneorale.info

Fluoroprofilassi - www.igieneorale.info

Vai ai contenuti

Menu principale:

Fluoroprofilassi

FLUORO
In questa sede vi è l'USO DEL FLUORO secondo la Moderna Medicina Occidentale.
                                                                                                                         

   Linee guida nazionali

        FLUOROPROFILASSI (video)

            Pubblicato in data 19/06/2012
    L'importanza del fluoro nella prevenzione dentale
               Intervista a Laura Strohmenger, professore ordinario dell'Università degli Studi di Milano,
            membro del gruppo di lavoro Linee Guida nazionali Ministero della Salute.



QUAL È L'IMPORTANZA DEL FLUORO NELLA PREVENZIONE?

L'Organizzazione Mondiale della Sanità è promotrice della Prevenzione Stomatologica. Nel 1975 la sua Assemblea Generale ha raccomandato la fluorizzazione a tutti gli Stati membri.
Nel 1981 ha incluso il fluoruro di sodio tra i farmaci essenziali.Il fluoro preso per tutta la vita in dosi più che doppie a quelle terapeutiche non provoca alcuna reazione negli organi e negli apparati. Il fluoro può inoltre essere aggiunto alle acque potabili. Il 29 maggio 1975 la 28° Assemblea Mondiale dell'OMS ha testualmente affermato: "l'ottimizzazione del contenuto in fluoro dell'acqua potabile rimane il più efficace mezzo fino ad oggi conosciuto per prevenire la carie".  Un programma di fluorizzazione dell'acqua si attua negli Stati Uniti e in alcuni stati Europei per un totale di 200 milioni di persone trattate.  E' stata stimata una riduzione dell'incidenza della carie del 50-60%.   Dosaggio ottimale per le acque: 1 p.p.m./l. La fluorizzazione del latte, fluorizzazione del sale da cucina rimane comunque una scelta politica sanitaria. Vi sono alimenti ricchi di fluoro come: sardine, salmone, thé, frutti di mare.


COME AGISCE IL FLUORO?

E' stato accertato scientificamente che il fluoro sotto forma di ione esercita azione carioprofilattica.  Lo ione fluoro entra nella struttura dei cristalli di idrossiapatite(costituenti fondamentali inorganici dello smalto), trasformandolo in fluoroapatite che è insolubile in acqua.  Sotto questa forma lo smalto è più resistente all'effetto corrosivo degli acidi orali. Durante lo sviluppo dei denti (fase di mineralizzazione) gli ioni fluoro vengono incorporati nella compagine delle molecole di idrossiapatite trasformandolo in fluoroapatite. Inizialmente il fluoro inoltre favorisce la remineralizzazione dello smalto intaccato dagli acidi e, particolare non trascurabile, inibisce il metabolismo dei batteri della placca.

COME SI PUÒ ASSUMERE IL FLUORO?

Il fluoro si può assumere con il dentifricio al fluoro, che riduce l'incidenza della carie del 30%.  Le compresse di fluoro, reperibili in farmacia, riducono l'incidenza della carie del 50%.

QUAL È IL DOSAGGIO OTTIMALE DEL FLUORO?

                   Sotto controllo medico, il fluoro può essere somministrato:

      • alle gestanti dal 6° mese di gravidanza: dosaggio 1 mg al giorno.
      • alle madri che allattano: dosaggio di 1 mg. al giorno.
      • al bambino, sotto controllo del pediatra

                   Dosaggio:
      • 1 compressa da 0,25 mg. fino a 2  anni
      • 2 compresse da 0,25 mg. da 2 a 3  anni
      • 3 compresse da 0,25 mg. da 3 a 4  anni
      • 1 compressa da 1,00 mg. da 4 a 13 anni                                                                                                                                                                                                                                      

Le compresse possono essere sciolte nell'acqua, nel latte, nel succo di frutta. L'odontoiatra o il pediatra nel caso dei bambini se attua tale profilassi deve essere a conoscenza della concentrazione del fluoro nell'acqua potabile del luogo dove vive il paziente e inoltre deve tener conto delle abitudini alimentari dello stesso. Il fluoro può inoltre essere aggiunto alle acque potabili. Il 29 maggio 1975 la 28° Assemblea Mondiale dell'OMS ha testualmente affermato: "l'ottimizzazione del contenuto in fluoro dell'acqua potabile rimane il più efficace mezzo fino ad oggi conosciuto per prevenire la carie." Un programma di fluorizzazione dell'acqua si attua negli Stati Uniti e in alcuni stati Europei per un totale di 200 milioni di persone trattate. E' stata stimata una riduzione dell'incidenza della carie del 50-60%.  Dosaggio ottimale per le acque: 1 p.p.m./l. La fluorizzazione del latte,fluorizzazione del sale da cucina rimane comunque una scelta politica sanitaria. Vi sono alimenti ricchi di fluoro come: sardine, salmone, thé, frutti di mare.

CI SONO PRECAUZIONI DA OSSERVARE PER IL FLUORO?

Le  precauzioni sono necessarie, poiché vi può essere il rischio di iperdosaggio cronico: la fluorosi che si verifica con dosi superiori a 4 mg. al giorno per lungo tempo.Tale intossicazione provoca alterazioni cromatiche e morfologiche dei denti ed erosioni dello smalto. Nei casi gravissimi l'intossicazione cronica sistematica determina lesioni ossee, renali e tiroidee.

 
Cerca
Copyright 2017. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu