CODICE PERSONALIZZATO Amalgama d'argento - www.igieneorale.info

Amalgama d'argento - www.igieneorale.info

Vai ai contenuti

Menu principale:

Amalgama d'argento

AMALGAMA

COS'E' L'AMALGAMA D'ARGENTO?


L’amalgama di argento è una lega metallica costituita da argento, stagno, rame, palladio, indio e da una parte liquida: il mercurio. Quando questi metalli vengono miscelati tra loro, si forma un materiale che si può spingere  (si dice zeppare) dentro il dente che deve essere già preparato cioè si è tolta la parte cariata e si è modellato il buco per accogliere l'amalgama. Bisogna farlo rapidamente perchè entro 10 minuti non è più modellabile. L'amalgama indurisce entro 2 ore.


A COSA SERVE L'AMALGAMA D'ARGENTO?


L’amalgama è stata usata con successo da più di un secolo come materiale per otturare i denti cariati. Negli ultimi vent’anni la sua qualità è molto migliorata. E' diminuita la quantità di mercurio e sono state aggiunti nuovi componenti che ne diminuiscono la corrosione all’interno della bocca.Oramai non si usa più perchè si ritiene tossica ed antiestetica.

A COSA SERVE L'AMALGAMA D'ARGENTO?

E' meglio precisare che adesso non si deve utilizzare in nessuna circostanza.
I pregi erano:

  • ottimo sigillo marginale

  • facilità di utilizzo

  • lunga durata

  • lunga esperienza clinica

  • basso costo

In altri termini si poteva lavorare in bocca al paziente senza necessariamente mettere la diga ,inoltre si infiltrava molto lentamente nel tempo, per cui, se eseguita a regola d'arte, aveva lunga durata.

IN QUALI SITUAZIONI SI UTILIZZA ATTUALMENTE L'AMALGAMA

E' meglio precisare che adesso non si deve utilizzare in nessuna circostanza. L’amalgama e' ormai sostituito dai materiali compositi (otturazioni bianche).

QUALI SONO I DIFETTI?

E' meglio precisare che adesso non si deve utilizzare in nessuna circostanza


I difetti sono:


  • il colore che non si mimetizza con il dente, da cui il termine popolare di "piombatura"

  • la necessità di eseguire preparazioni di cavità ritentive e demolitive in quanto l’amalgama non possiede la capacità di legarsi alla struttura dentale

  • la potenziale tossicità dovuta al mercurio

L'AMALGAMA È PERICOLOSA PER LA SALUTE DEL PAZIENTE?


  • I rischi sono legati in massima parte alla possibile inalazione ed ingestione di mercurio durante l’esecuzione delle otturazioni o la loro rimozione.

  • Durante queste manovre, il paziente può efficacemente essere protetto da una speciale barriera di gomma chiamata "diga" che isola i denti dal resto della bocca.

  • Il mercurio, una volta legato agli altri metalli, è dimostrato essere stabile.

  • E' meglio precisare che adesso non si deve utilizzare in nessuna circostanza

IL MERCURIO, SE INTRODOTTO NELL’ORGANISMO È PERICOLOSO?


L'avvelenamento cronico da mercurio in persone che sono esposte per ragioni di lavoro a polveri e vapori di mercurio può dare origine ad una patologia multisintomatica con manifestazioni quali:

  • azione tossica a livello dei sistemi nervoso e renale.

  • depressione

  • ansia

  • irritabilità

  • cefalea

  • stanchezza

  • perdita della memoria

  • difficoltà di concentrazione

  • tremori

CI SONO NUOVI MATERIALI CHE POSSONO SOSTITUIRE L'AMALGAMA?


  • Materiali sostitutivi dell’amalgama con le medesime caratteristiche di sigillo marginale, facilità d’uso e basso costo non esistono ancora.

  • Materiali alternativi come l’oro o la ceramica sono estremamente validi ma necessitano dell’opera del laboratorio odontotecnico e di procedure più complesse che portano ad avere restauri con un costo finale di 5,6 volte più elevato.

  • Le resine composite "le cosiddette otturazioni bianche," su cui la ricerca sta lavorando moltissimo e molto stanno investendo le case produttrici, hanno il pregio di potersi legare tenacemente allo smalto dentale e di essere del colore dei denti rendendo i restauri invisibili e quindi molto graditi ai paziente, non sappiamo con certezza come si comporteranno nel tempo, non sono ancora in grado di sostituire l’amalgama in ogni occasione clinica e comunque rendono i restauri nettamente più costosi a causa del maggior tempo e cura che richiedono per ottenere risultati soddisfacenti.

  • Non vi è dubbio che la comunità odontoiatrica internazionale stia riducendo drasticamente l’utilizzo dell’amalgama per eseguire le otturazioni dei denti cariati ma ciò è dovuto alle richieste estetiche sempre maggiori da pare dei pazienti più che a serie ragioni di tipo tossicologico.

ULTIME CONSIDERAZIONI: "AL PAZIENTE LE CONCLUSIONI"


  • se dovessimo rifare tutte le otturazioni in amalgama, si aprirebbe, per una professione in crisi, un mercato di circa 24 mila miliardi.

  • la maggior parte dei dentisti di tutto il mondo continuano a far eseguire nelle proprie bocche ed in quelle dei figli restauri in amalgama.

  • si sconsiglia di sostituire otturazioni in amalgama ancora in buone condizioni con altre di diverso materiale.

  • in odontoiatria l’amalgama è usata con ottimo successo da più di un secolo come materiale da restauro per i denti cariati e negli ultimi vent’anni la sua qualità è molto migliorata diminuendo la quantità di mercurio ed aggiungendo nuovi componenti che ne diminuiscono la corrosione all’interno del cavo orale.

  • si calcola che ogni anno nel mondo vengano eseguiti 500 milioni di restauri con questo materiale e 200 milioni nei soli Stati Uniti.

  • la diffusione di facili allarmismi presso la popolazione è favorita dalla medicina ‘alternativa’, dagli ecologisti, dalla disinformazione e dall’industria, molto interessata a spingere materiali sostitutivi molto più costosi.

  • l’Associazione per la sclerosi multipla ha preso posizione invitando i propri soci a farsi sostituire le otturazioni sperando in un miglioramento.

  • l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) nel 1995 con la collaborazione dei suoi organi, Oral Health Programme e Office of Global and Integrated Environmental Health, insieme alla FDI ha pubblicato un documento che conclude che i restauri in amalgama sono sicuri ed economici e che lo svantaggio è di non avere il colore dei denti.

  • il governo svedese ha recentemente messo a punto tramite il ministero dell’ambiente una serie di norme al fine di limitare l’uso dell’amalgama come materiale da otturazione. L’argomentazione principale è ecologica in quanto si calcola che nella bocca degli svedesi siano presenti da 40 a 60 tonnellate di amalgama che andranno a finire in gran parte nei forni crematori, con successiva liberazione di mercurio nell’ambiente.

  • in Svezia si calcola che ogni anno circa 300 kg di Hg vada nell’aria e da 200 a 400 Kg nelle condutture come provenienza dagli studi odontoiatrici.

 
Cerca
Copyright 2017. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu